Close

editoria

formato:
12x15 cm
rilegatura:
brossura
pagine:
80
lingua:
italiano
pubblicazione:
Dicembre 2019
ISBN:
978-88-569-0724-7
prezzo:
5,00 euro

apologia della pasta con e senza puttanesca carlo avvisati

… e chesta è ’a puisìa: niente cantante, niente pusteggia pe puté magnà nu vermiciello a vvongole abbondante / cu ‘o ppetrusino cruro e ’addore ’e scoglie, e a primma furchettata, t’hê ’a scustà, si no svenisce, mentre l’arravuoglie …
[raffaele viviani, faciteme magnà]

la pasta sta allo sviluppo demografico napoletano esattamente come, in diverse proporzioni, il riso sta alla civiltà cinese, una precondizione per nutrirsi e moltiplicarsi, per battere le carestie, le guerre, le malattie che decimavano la popolazione. cibo di strada e diretto concorrente di qualsiasi prodotto perché bastano dieci minuti per fare i piatti più buoni del mondo – tra cui la ‘puttanesca’ che rientra in pieno nella cultura del recupero – la pasta è povera ma diventa ricca negli spettacolari timballi dei monzù tramandati sino a noi, sfida il tempo quando non esisteva il frigorifero usandola per fare le frittate che ne allungavano la vita evitando rischi.
… una lettera d’amore per la pasta, cioè per l’italia, perché si tratta di un cibo identitario, una delle tante cose che i vinti del sud hanno usato per trasformare i vincitori. perché la cultura italiana del cibo nel mondo vuol dire pasta e pizza, i comfort food con i quali i poveri sono riusciti a reperire le calorie necessarie per sopravvivere durante i secoli [luciano pignataro]