Close

editoria

formato:
24x30 cm
rilegatura:
brossura con alette
pagine:
200
illustrazioni:
a colori
lingua:
italiano
pubblicazione:
Dicembre 2019
ISBN:
978-88-569-0692-9
prezzo:
30,00 euro

nova erigere, vetera servare bruno maria apollonj ghetti tra restauro e archeologia mariarosaria villani

dalle pratiche di ‘isolamento’ e ‘liberazione’ dei monumenti degli anni trenta del novecento – passando per il dibattito antico/nuovo nella fase postbellica – al rinnovato interesse per i centri storici degli anni settanta, prendono forma la figura di bruno maria apollonj ghetti e il suo contributo alla disciplina del restauro architettonico attraverso gli scritti e i progetti condotti in italia e all’estero: una varietà di esperienze sul campo – sistemazioni urbane, scavi e restauri, costruzioni ex-novo e conservazione dei centri antichi – che ha per denominatore comune l’incessante ricerca delle relazioni tra scienza, archeologia e restauro. partendo dalla concezione del restauro come ‘scienza propriamente intesa’, nel corso della sua lunga attività di architetto militante ed accademico apollonj ghetti afferma una prassi di indagine diretta sul monumento, di riscontro materiale calibrato sulla verifica degli studi storici e iconografici, che traduce in metodo operativo – in continuità con la sensibilità di molti restauratori del novecento – la centralità della conservazione delle tracce materiali del passato rinvenute in corpore vili. un approccio multidisciplinare, come ricorda giuseppe zander, che getta “le basi del pensiero critico e scientifico moderno sul restauro dei monumenti”.